Trieste: discarica di Trebiciano, confine con la Slovenia.

L’area della discarica di Trebiciano – Trebče, al confine con la Slovenia è una delle zone più degradate del Territorio Libero di Trieste.
La discarica è stata realizzata per consentire lo smaltimento dei rifiuti tossico-nocivi portati dall’Italia. Doline e grotte sono state utilizzate per far sparire i rifiuti più scomodi delle ecomafie italiane in accordo con le corrotte amministrazioni locali.
Sotto l’area della discarica e non lontano scorre il fiume Timavo, contaminato da questo avvelenamento di Stato.

Nella discarica di Trebiciano

La campagna di sensibilizzazione sull’inquinamento del Movimento Trieste Libera: questa volta Roberto Giurastante, Presidente del Movimento Trieste Libera si trova a Trebiciano – Trebče, località del Carso devastata dallo smaltimento incontrollato di ogni tipo di rifiuti, compresi rifiuti chimici, tossico-nocivi e bellici.

Trebiciano: la grotta inquinata da idrocarburi esausti

Prosegue il viaggio del Movimento Trieste Libera nei luoghi inquinati del nostro Carso. A Trebiciano / Trebče è accessibile una delle oltre 150 grotte usate per anni come discariche. In questa grotta venivano smaltiti idrocarburi esausti, che ancora oggi sono visibili sul fondo.Si tratta di una delle forme di inquinamento …

Carso: inquinamento grotte

l pozzo del Cristo è una delle grotte carsiche utilizzata come discarica per idrocarburi e fanghi industriali. La grotta è stata completamente riempita di idrocarburi per circa 60 metri di profondità. Sul fondo si trova ancora il residuo del lago di nafta progressivamente assorbito dalla roccia carsica. Sulle pareti strati di catrame spessi qualche centimetro. Un vero inferno creato dall’uomo.

Discariche di rifiuti radioattivi sul Carso

Sul Carso triestino, nel Comune di Duino-Aurisina, giace “dimenticata” una delle discariche utilizzata tra il 1985 e il 1995 per la dispersione incontrollata di rifiuti industriali tra i quali materiali radioattivi di imprecisata provenienza.

Inquinamento del Carso: discarica di Trebiciano

La discarica, una delle maggiori realizzate sul Carso, è situata in prossimità del confine con la Slovenia a 1,5 Km dal paese di Trebiciano-Trebce (comune di Trieste); tra il 1958 ed il 1972 venne utilizzata come discarica di RSU e rifiuti industriali per l’intera provincia di Trieste e vi furono scaricate oltre 500.000 tonnellate di inquinanti che ricoprirono 120.000 metri quadrati di terreno cambiando completamente l’orografia del suolo: le doline (cavità naturali frutto del carsismo) vennero trasformate in colline di rifiuti; in alcune zone lo spessore dei rifiuti supera i 20 m. A 500 m dalla discarica si trova l’abisso di Trebicano dove, a 329 m di profondità, scorre uno dei rami sotterranei del fiume Timavo contaminato dai veleni scaricati nel suolo.
Le conseguenze di questo pesante inquinamento sono tuttoggi presenti nel sottosuolo, dove anche a grandi profondità si trovano ancora tracce di idrocarburi, olii minerali, resine, metalli pesanti (cadmio, manganese, piombo, mercurio, zinco).

Discariche di amianto sul Carso

Due doline utilizzate come discariche e cancellate dalle cartine geografiche. Dove prima si trovavano delle cavità naturali, ora spuntano inquietanti colline di rifiuti. Da cui emerge l’amianto scaricato per decenni in quantità industriali sul Carso. Storie di ordinario inquinamento e avvelenamento del Carso triestino, tra omertà e coperture istituzionali.
Le discariche del video si trovano tra i paesi di Trebiciano e Banne nel comune di Trieste.

Inquinamento del Carso

L’inquinamento del Carso triestino è opera di quello che è stato definito “Sistema Trieste”, cioè una solida rete di collusioni trasversali – certamente non gratuite – tra imprese, politica (di governo ed opposizione) e settori istituzionali per svolgere e coprire lucrose attività illegali che vanno dalla manipolazione sistematica degli appalti …