SILENZIO STAMPA E SOLDI

TRIESTE: NUOVI SISTEMI DI CENSURA CONTRO GLI AMBIENTALISTI

FORMALIZZATE DENUNCE IN SEDE ITALIANA ED EUROPEA

Trieste, 20 ottobre 2008

Il quotidiano monopolista di Trieste IL PICCOLO, del gruppo editoriale italiano L’Espresso, ha inaugurato assieme al Tribunale di Trieste un nuovo sistema di censura contro gli ambientalisti: silenzio stampa e soldi.

Il giornale pubblica notizie che li diffamano, rifiuta di pubblicare le loro rettifiche di legge, e se le vittime ricorrono alla giustizia vengono anche condannate a risarcirgli danni e spese per 9.000 euro.

E’ accaduto all’associazione autonoma di Trieste dei Friends of the Earth-Amici della Terra che colpisce imparzialmente da anni inquinatori, speculatori e amministratori pubblici collusi, suscitando infine un tentativo di “scomunica” da parte dell’associazione nazionale italiana “Amici della Terra” (Roma), diversamente orientata.

Il tentativo è oggetto di un contenzioso giudiziario ed entro la rete internazionale dei Friends of the Earth, dove i triestini sono appoggiati dai confratelli francesi e di altri Paesi.

Il quotidiano di Trieste ha appoggiato l’associazione romana pubblicando un suo attacco, ripubblicandolo al posto delle smentita di quella triestina e poi rifiutando senza motivazioni la sua rettifica di legge.

Gli ambientalisti censurati hanno chiesto giustizia al Tribunale di Trieste, che li ha invece condannati a risarcire il giornale perché la loro richiesta di rettifica recava la firma del segretario e non quella del presidente, che in realtà la legge non richiede.

La sentenza ha consentito paradossalmente all’influente quotidiano monopolista locale non solo di beffare le leggi sulla stampa, ma anche di pignorare in questi giorni alle vittime – una spartana associazione di volontariato – la somma di oltre 9.000 euro (18 milioni di vecchie lire) per danni e spese.

Le organizzazioni ambientaliste Friends of the Earth Trieste e Greenaction Transnational ritengono che il fatto costituisca un precedente nuovo ed inammissibile di violazione repressiva dei diritti costituzionali e comunitari di opinione ed informazione, ed informano di averne formalizzato denunce documentate alle autorità italiane ed europee di vigilanza sulla giustizia e sui media.

 

Allegato in rete alla presente nota stampa:

Dossier sul caso (libertà di espressione e opinione e diritto di rettifica) dei Friends of the Earth Trieste.